Distribuzione monodimensionale

From MM*Stat International

Jump to: navigation, search
English
Português
Français
‎Español
Italiano
Nederlands


Le operazioni di spoglio dei dati conducono attraverso l’ordinazione delle unità statistiche e delle relative frequenze (assolute o relative) alla determinazione della distribuzione di frequenze del carattere desiderato. Quando lo spoglio dei dati riguarda solo un carattere si parla di distribuzione unidimensionale di frequenza. Il carattere viene indicato nel seguito come e viene osservato sulle unità statistiche. Si suppone che la variabile presenti diverse modalità. , .

Tabella delle frequenze

Nelle Tabelle delle frequenze vengono presentati dei caratteri discreti (intesi come caratteri misurabili con la scala nominale, ordinale o metrica che presentano poche osservazioni) in modo sistematico e in modo da dare una visione d’insieme dei dati.

Carattere Frequenze assolute Frequenze relative
Totale

Rappresentazioni grafiche

Per rappresentare questo tipo di caratteri si puà fare uso di diversi grafici.

Grafici a barre od ortogrammi

Nel grafico a barre le frequenze sono rappresentate dall’altezza di segmenti o rettangoli equidistanti. L’altezza dovrà essere uguale o proporzionale alla frequenza (nel grafico seguente vengono utilizzate le frequenze relative in percentuale).

En lect 21 1.gif


En s2 22 f 3.gif

Aerogrammi

Gli aerogrammi sono figure piane la cui area viene suddivisa in modo proporzionale alle frequenze o alle intensità associate alle diverse modalità (nel grafico seguente si utilizzano le frequenze relative in percentuale). Un’alternativa à il diagramma a linee composto di linee della lunghezza proporzionale alla frequenza relativa.

En lect 21 3.gif

Diagramma a torta

Nel diagramma a torta le frequenze vengono rappresentate come spicchi o settori circolari del diagramma. Gli angoli al centro sono proporzionali alle frequenze.

En lect 21 2.gif

Diagrammi simbolici o pictogrammi

I pictogrammi sono costituiti da figure od oggetti ripetuti tante volte quante ne indica la frequenza o alternativamente di grandezza proporzionale ad essa.

En lect 21 5.gif

Cartogramma

I cartogrammi presentano la carta geografica di una data zona suddivisa in regioni che vengono distinte da colori o simboli adatti a richiamare, in misura proporzionale la presenza del fenomeno da rappresentare.

En bez-wahlbet18.gif

à possibile analizzare l’evoluzione della struttura famigliare in Germania grazie a diverse rilevazioni avvenute nel corso del 20.esimo secolo.

Unità statistica: Nuclei famigliari
Carattere statistico: numero dei componenti della famiglia (scala metrica, carattere discreto)

La seguente tabella di distribuzione delle frequenze permette un confronto dei diversi periodi rilevati grazie alle frequenze relative.

Numero dei componenti
e pià
Totale

Il confronto tra due annate diventa pià semplice se si utilizzano ortogrammi per ciascun anno.

En folnode3 a 04.gif


En folnode3 a 06.gif

Dagli ortogrammi si puà facilmente rilevare un cambiamento della struttura familiare nel tempo: da un grande numero di componenti siamo infatti arrivati a fine secolo alla preponderanza di uno o due componenti per famiglia.

It folnode3 a k 1 2.gif

Nell’aprile 1991 à stata classificata la popolazione attiva in Germania (unità statistica) in base al tipo di attività svolta (carattere classificato con scala nominale ) Le frequenze relative sono rappresentate nella seguente tabella.

Attività svolta Popolazione attiva frequenza relativa
operai
impiegati
settore pubblico
autonomi
collaboratori familiari
Totale

Grazie alla tabella si puà per esempio visualizzare il fatto che 16.808.000 delle persone intervistate siano impiegate. Cià corrisponde ad una quota del 44,9% della popolazione attiva. I dati possono essere visualizzati anche in modo grafico grazie ad un diagramma a torta o a barre.

En folnode3 a k 1.gif

Nel diagramma vengono evidenziate le frequenze relative: à quindi ancora pià evidente la quota di impiegati sul totale della popolazione attiva.